"Non badate a me, cerco solo di attirare l'attenzione" - Frances Ha

martedì 7 gennaio 2014

Ho perso la starwarsginità

Prima, una dichiarazione del mio avvocato:

Il mio Cliente si avvale della facoltà di poter esprimere la propria opinione in base all'articolo 21 della Costituzione, il quale dice: "Tutti hanno diritto di manifestare il proprio pensiero riguardo la saga di Star Wars con la parola, lo scritto e ogni mezzo di diffusione".

Inoltre sappiate che sono cintura bianca di kung-fu e se mi fate qualcosa mio cugino vi picchia. Scherzi a parte (anche se ho davvero contattato un'amica avvocatessa), questo mio atteggiamento di difesa eccessiva suggerirebbe che io voglia parlare malissimo della saga di Star Wars, cosa non affatto vera. Non totalmente, almeno. Voglio parlare della saga con onestà, cercando di esporre sinceramente il mio pensiero, se no non avrebbe senso firmare questo articolo col mio nome.


Star Wars Sketch by bamboleo

Ho una pistola. Anche se è la prima volta che guardo l'intera saga, avevo già visto il quarto capitolo, cioè il primo della trilogia originale, Guerre stellari, che leggo essere stato rinominato in Episodio IV - Una nuova speranza solo nel 1999 in vista dell'uscita della nuova trilogia. Potrei copiare tutte le informazioni di cui dispone Wikipedia per temporeggiare il più possibile prima di dirvi che la prima volta che ho guardato Guerre stellari mi sono addormentato. Ricordate... articolo 21... Ricordavo a grandi linee la trama poiché ogni tanto mi svegliavo, ma nella mia visione corrotta dal sonno avevo capito che la scena finale mostrasse un matrimonio, quindi il mio ricordo non era molto affidabile. Però non avevo cambiato idea e avevo comunque intenzione di vedere tutta la saga, prima o poi, questo perché ero molto curioso visto l'enorme successo che ha riscosso negli anni. Contro avevo il fatto che il genere fantascientifico non mi ha mai fatto impazzire, anzi l'ho sempre accuratamente evitato, ma andiamo! era Star Wars e mi sentivo escluso da una miriade di citazioni e rimandi. E poi volevo vedere Balle spaziali di Mel Brooks.

Hanno trasmesso in TV l'intera saga in ordine cronologico dall'Episodio I - La minaccia fantasma, così, anche se avrei preferito guardare la saga così come l'aveva pensata l'ideatore e regista (che ho visto non essere Lucas in tutti i capitoli, al contrario di come pensavo), e poiché avevo già visto il quarto capitolo, l'ho guardarla daccapo in ordine cronologico. I primi tre capitoli, i maledetti. La trilogia prequel arrivata dopo vent'anni dai capitoli originali, quella che secondo i fan erano il male puro. 
Non ero partito prevenuto come un fan amante della trilogia originale, così devo ammettere che mi sono divertito. In particolare, i 143 minuti dell'Episodio II - L'attacco dei cloni, sono magicamente volati via. La cosa mi ha colpito molto - era finito, e ho pensato: Ma come, di già? Ovviamente l'intera trilogia era pensata per mostrare l'inizio della guerra e di come l'Impero fosse diventato così tirannico visto che in principio era democratico. Le scene più importanti si trovano alla fine del terzo film, l'Episodio III - La vendetta dei Sith quando Obi-Wan Kenobi e il suo allievo Anakin Skywalker se le danno si santa ragione. 

Devo ammettere che la storia mi aveva catturato e incuriosito. Seguivo gli sviluppi con attenzione, anche se... articolo 21... i film avevano una struttura abbastanza banale... e non solo. Almeno la prima trilogia, sembrava soffrire di un problema che, vista la natura del genere a cui appartiene, sembrava folle. Infatti ho trovato che peccasse proprio nella direzione artistica. Sembrava che quell'universo cinematografico non fosse sfruttato appieno e che tutto fosse abbastanza scialbo, il che, ripeto, è assurdo poiché riconosco il grandissimo lavoro di ideazione di George Lucas. Ah, sì, George Lucas... e questa come ve la dico? Penso che la sua regia fosse completamente incapace, senza mezzi termini (basti guardare la scena clou della trilogia, appunto il duello tra Anakin e Obi-Wan, che contiene dei tagli assurdi, inquadrature scomode e una direzione degli attori che MAH). Insomma, l'idea generale che mi son fatto è che ci fosse un grandissimo potenziale dietro una storia che prometteva di essere bellissima, ma nella realizzazione sembrava avere fin troppe pecche. In altre parole, credo che il maggior difetto della prima trilogia sia la direzione artistica e registica di George Lucas. Ahia, ahia, ahia. Il Roberto Dragone che dà il nome all'url non è il mio vero nome, ve lo dico.

Ma sì, cosa c'è di male? La saga mi è piaciuta lo stesso (anche se per ora ho commentato soltanto i primi tre film), solo che devo riconoscerle alcuni difetti. Guardando la filmografia di Lucas si scopre che in realtà ha diretto pochissimi film, invece ne ha scritti e prodotti tantissimi. Se uno sa scrivere più che dirigere non è mica la fine del mondo. O degli universi. O della flotta stellare eccetera. O dell'OK basta.

Millemium falcon - Star Wars by ashasylum

Ma passiamo alla trilogia originale. Riguardando il quarto episodio non mi sono addormentato, ma non solo: con tutto quello che ora sapevo, me lo sono goduto molto di più. È un bellissimo film di fantascienza. Immagino l'espressione entusiasta dei bambini all'uscita dei cinema nel lontano 1977. Si vede che è un film di quel periodo (se non lo conosceste vi consiglio di recuperare Tron), con degli effetti speciali avanti per quei tempi, la scenografia di grande impatto, e anche se le guardie nemiche avevano gli scolapasta in testa, è un film che sicuramente sorprende. Ho trovato piacevoli anche i film seguenti ma, causa stanchezza (ormai, perché li ho visti tutti nel giro di un paio di giorni), ho avuto modo di notare un certo meccanismo che caratterizzava tutti gli episodi senza che me ne fossi accorto. Ragà, nella saga di Star Wars si perde tantissimo tempo. Avere tante sottotrame di solito non è un difetto, anzi, è quasi sempre visto un pregio di un film ben caratterizzato. Ma in Star Wars perdono proprio tempo. Inoltre, l'approccio alle situazioni secondarie cambia tanto, tantissimo quando i film son sei e il più breve dura due ore piene. In ogni film dell'esalogia succedono cento cose e spesso la trama si riduce agli ultimi venti minuti. Perché si perde tutto 'sto tempo? 
Ma no, ignorante, non si perde tempo! È che l'universo è caratterizzato troppo bene e c'è da mostrare tanto. E qui vi volevo (lo so che quello in grassetto sono sempre io), perché qua e là ci sono elementi che lascerebbero pensare che, in realtà, la saga non era stata proprio pensata come un'esalogia. Ora, non mi sono informato e non voglio informarmi riguardo i piani che aveva George Lucas, ma già il fatto che il titolo del primo film era soltanto "Star Wars" la dice lunga. Poi ci sono alcune incoerenze tra la prima e la seconda trilogia, il che è assurdo visto che bastava adattarsi alle informazioni che erano già state date nella trilogia originale. Ciò sottolinea ulteriormente la patina di svogliatezza che sembra ricoprire l'intera saga. Poi, cosa volete, a me non piacciono i film che tralasciano alcune informazioni che vengono date dal regista fuori dalla produzione, in libri, serie e quant'altro. "Serve per capire meglio il film" non è il mio modo di pensare: i film, soprattutto quando ne sono sei (!!!) e fanno parte di una saga, devono essere più che esaustivi e coerenti.

Nel commento finale voglio dire una certa cosa e sento di dovervi ricordare del mio porto d'armi e della mia conoscenza delle arti marziali. La saga alla fine mi è piaciuta: è epica, ha una forte dose d'avventura e un'ottima caratterizzazione dei personaggi. Ci sono gli eroi che combattono i cattivi, ci sono dei robot giganti e tutti si danno tante mazzate (oltre a volare una serie spropositata di arti mozzati). Sono quei film che ti attaccano allo schermo, seppur abbiano i loro difetti, quali una trama scontata, o anche solo il fatto che tutti sparano e nessuno colpisce mai nessuno. Quindi è una saga con tantissimo potenziale che in parte viene sfruttato molto bene, ma che credo verrà sfruttato ancora meglio (ahia) da J.J. Abrams, con la sua direzione artistica e il suo enorme talento nel dirigere film così imponenti. C'è tutto il potenziale perché l'episodio sette faccia i fuochi d'artificio, secondo me, poiché forse, finalmente, a occuparsi del progetto ci sarà qualcuno che sa dirigere. Oltre al fatto che i due sceneggiatori che stanno aiutando Abrams, Lawrence Kasdan e Michael Arndt, sono anch'essi molto capaci. 

In conclusione, andrò a vedere l'episodio sette al cinema e so che non rimarrò deluso, poiché tutto il potenziale che non è stato sfruttato appieno nell'esalogia, ora può dar sfogo. Ma capitemi, ho ventisei anni e ho visto la saga soltanto ora. Forse se fossi cresciuto con Guerre stellari, ora la penserei diversamente. Anzi, sicuramente sarebbe così. Credo che la magia non mi abbia catturato perché ho visto i film, più che la magia che doveva esserci in dei cavalieri jedi che combattono a colpi di spada laser. Spada laser, cazzo!
SHARE:

2 commenti

  1. detto da una che impazzisce per tutti i film (anche se, diciamolo tra parentesi e sussurrando, ho visto e rivisto molto di più gli ultimi tre, il male, perché sono usciti quando io c'avevo l'età giusta per queste cose. e mi piacevano veramente tantissimo), quando ho provato a rivedere il secondo mi sono venuti i brividi lungo la schiena per l'oscenità della recitazione di Anakin (Anakin, sappiamo che sei un bastardo e che poi dovrai respirare pesantemente attraverso una maschera, ma non serve recitare come quelli di centro vetrine!) e per la regia. Ora però voglio riguardarmi tutti quelli originali in maratona pure io per ripassare che non mi ricordo più niente. In ogni caso, non ti picchierà nessuno credo perché sei stato troppo paraculo (a parte forse per il tuo entusiasmo per il secondo capitolo che mi viene riferito sia considerato particolarmente schifoso - a me piaceva un sacco) e, soprattutto, per pensare che JJ Abrams farà una cosa decente, visto che sono tutti che si strappano i capelli dalla testa. Ora, io di JJ Abrams non ho mai visto nulla, ma, ricordati, il suo braccio destro è Spielberg!!!!! Potremmo ritrovarci un film girato bene ma con una storia del cavolo, dunque. W Obi-Wan Kenobi sempre!
    la Scopa settebellezze

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Secondo me il settimo capitolo ha tutto il potenziale per diventare il migliore della saga (...). Star Wars è una saga di fantascienza ma è improntata sull'intrattenimento puro, e Abrams è bravissimo sotto questo aspetto. Il suo Star Trek mi è piaciuto e i per i fan non era così lontano dall'atmosfera della serie originale. Quello che voglio dire è che la saga di Star Wars forse ha finalmente tutto ciò di cui ha bisogno per risultare completa: per forza di cose, ha bisogno di effetti speciali che ormai hanno raggiunti picchi di una qualità sbalorditiva; hanno provato a girare film lunghi e pieni d'avventura (alla Pirates of the Caribbean) ma hanno fallito perché non ne erano capaci, mentre Abrams ha dimostrato più volte di saperli girare; Star Wars, infine, si presta a ogni tipo di storia (soprattutto ora che tutto è concluso), quindi sta soltanto nella bravura degli sceneggiatori a inventarsi qualcosa di bello. In conclusione: il settimo capitolo promette molto bene. Comunque a me alla fine la saga è piaciuta, eh, per questo forse a volte sono paraculo xD Perché sapevo sarei finito più a parlarne male che bene, nonostante, alla fine, mi abbia divertito. Per quanto riguarda Spielberg non ci sono cose da aggiungere, perché purtroppo anche Lucas è un suo amico strettissimo... Che la forza sia con te!

      Elimina

© Il grande re dei boschi

This site uses cookies from Google to deliver its services - Click here for information.

Blogger Template Created by pipdig