"Non badate a me, cerco solo di attirare l'attenzione" - Frances Ha

martedì 26 luglio 2016

Canzone del momento #2: Rusty Nails (e i Moderat)

A un certo punto della ricerca di nuova musica da ascoltare, mi sono imbattuto nei Moderat. È stato amore al primo ascolto.


Durante una telefonata, la mia amica Daniela, detta Puccia T, mi disse: "Mi hanno invitato a una serata dove suona un gruppo di musica elettronica. A te non piaceva sta roba? Li conosci i Moderat?". Ero proprio all'inizio del periodo di esplorazione musicale, alla ricerca di nuovi artisti da ascoltare. Segnavo, o quasi, ogni artista che mi venisse proposto e davo a ognuno di loro almeno una possibilità. Nonostante questo, risposi negativamente alla domanda della mia amica e ignorai il suo consiglio su quel gruppo che suonava quella roba.
Dopo alcune settimane, ascoltavo Spotify quando una pubblicità interruppe la musica. Una voce entusiasta annunciava l'uscita dell'album III dei Moderat. Non ricordo quale canzone era stata inserita come sottofondo, ma mi colpì. Attivai Shazam per saperne il titolo e lo segnai. Ovviamente, avevo completamente dimenticato il consiglio di Puccia T. Quando le dissi, entusiasta: "Ho scoperto questo gruppo fantastico: i Moderat", lei non mi rispose con gentilezza. Tutt'oggi mi obbliga ad ascoltare tutti i consigli musicali che mi suggerisce, altrimenti, minaccia di spezzarmi le gambine.

E ora torniamo a parlare dei Moderat. Sono fantastici. Fine articolo. Non mi piace scrivere informazioni che potreste trovare su qualsiasi altro sito web, ma c'è una cosa che mi ha colpito molto e non voglio ometterla. I Moderat è un progetto berlinese composto da tre musicisti: Apparat e il duo Modeselektor. Citando Wikipedia: "Il loro primo EP risale al 2002, ma il primo LP è stato pubblicato dopo ben sette anni, per via di disaccordi artistici e divergenze d'opinione in merito al modo in cui portare avanti il lavoro comune". Nonostante mi sia informato su di loro quando ormai conoscevo la qualità della loro musica, questa frase mi ha colpito molto. L'idea che non riuscissero a trovare un punto in comune, dimostra che a discutere erano dei grandi artisti che non volevano scendere a compromessi. Infatti, nel 2009 hanno pubblicato il singolo estratto dal loro album d'esordio, "A New Error", un brano stupendo.


Poiché ho chiamato questa rubrica "Canzone del momento", ho dovuto scegliere una loro canzone tra tutte. Non ho scelto a caso. Ritengo il loro album d'esordio il migliore dei tre che hanno pubblicato fino a ora. L'atmosfera che viene creata dal susseguirsi da tutti quei brani bellissimi è unica. "Seamonkey", "Les Grandes Marches" (!), "Porc #1", giusto per citare tre brani. Ma "Rusty Nails" ha quel qualcosa in più che durante ogni ascolto mi fa ballare il robot sulla sedia, capite? Non potrei mai fare un elenco, o peggio, una classifica delle canzoni più belle dei Moderat. Ma Rusty Nails ha un posto speciale nel cuore delle mie orecchie.

La mia passione per la musica elettronica risale a quando avevo circa quindici anni. Con alcuni software di produzione musicale, prima semplici e intuitivi, poi più complessi, mi divertivo a produrre vere e proprie canzoni. Ogni circa due mesi, masterizzavo un nuovo album contenente circa dieci canzoni, dopodiché distribuivo le copie tra i miei amici. Mi piaceva moltissimo il processo dela costruzione delle canzoni. Anni dopo, mi è stato detto proprio questo: avevo la consapevolezza della struttura dei brani. Per me era soltanto un divertimento, ma mi aiutò a conoscere il mondo della musica prodotta da dietro un computer. Ascolto da sempre musica elettronica con orecchio critico. Mi diverto a separare i suoni, immaginare gli effetti che sono stati utilizzati. Per questo, ripeto, la mia passione verso questo genere musicale è soprattutto tecnico, nonostante lungi da me definirmi un professionista. Tuttavia, questa sorta di snobismo mi ha permesso di conoscere moltissimi artisti che mi scatenano emozioni che difficilmente altri generi musicali potrebbero provocarmi.
Nonostante Puccia scherzasse quando ha definito la musica elettronica "quella roba", questo è il pensiero di molti. In moltissimi negano che questo genere sia, addirittura, musica. Mentre, a parer mio, lo è attraverso uno dei modi più belli e alti di quest'arte. Spesso, i brani di musica elettronica non hanno una parte cantata. È musica pura, creata da zero e attraverso una composizione chirurgica di tutto ciò che compone la canzone. L'ascoltatore viene catturato dal suono puro, senza essere influenzato da nient'altro. È un genere estremamente tecnico. Non basta fare tunz tunz (la mia è una battuta; esistono così tanti sottogeneri della musica elettronica, che se dovessi differenziarli non basterebbe un'intera enciclopedia).

Dal punto di vista tecnico, i Moderat sono tra i migliori che ho ascoltato. Per questo motivo, la citazione di Wikipedia in cima all'articolo per me è così importante. Dal loro album d'esordio, si sente la cura riposta per produrre e partorire ogni singolo brano. Anzi, ogni singolo suono. Di certo, questo non è un progetto collettivo qualunque. Dovreste ascoltarli. 
SHARE:

Nessun commento

Posta un commento

© Il grande re dei boschi

This site uses cookies from Google to deliver its services - Click here for information.

Blogger Template Created by pipdig