venerdì 19 gennaio 2018

Ella & John – The Leisure Seeker


Ella (Mirren) e John (Sutherland) sono una coppia di ottantenni che decide di scappare lontano dai figli e dalle loro cure fatte di prudenze eccessive e medicinali; così, a bordo del loro vecchio camper, soprannominato appunto "The Leisure Seeker" ("Cercatore di svago", titolo originale del film), viaggiano verso la casa di Ernest Hemingway, di cui John, professore in pensione ormai smemorato, è un intenso estimatore. 

Ella & John – The Leisure Seeker, primo film in lingua inglese di Paolo Virzì, racconta una storia delicata sulla robustezza di un amore grandissimo, autentico, incantevole. Ella decide di sottrarre suo marito dalle premure dei figli per distrarsi insieme e intraprendere quello che, data la loro età e il costante peggioramento di John, potrebbe essere il loro ultimo viaggio. La fantasia di evadere lontano dalle preoccupazione diventa grandissima tanto quanto la nostalgia: il camper è lo stesso con il quale la famiglia andava in vacanza quando i figli erano piccoli e John era sano di mente; quindi Ella sequestra il marito e fugge via, per ripercorrere una strada già esplorata ma verso una nuova meta. 

I due bravissimi attori principali, Hellen Mirren e Donald Sutherland, riescono a costruire un magnifico rapporto di adorabile complicità, in cui la ricerca di nuove esperienze cammina insieme alla rievocazione dei ricordi, nella speranza che John ricordi qualcosa, ma non solo: i ricordi diventano una sorta di celebrazione alla vita meravigliosa che hanno avuto, dalla quale stanno ormai scappando; ma questa fuga è fatta a testa alta, con fierezza, poiché è una decisione presa (da Ella) con la dignità di chi può scegliere ancora. È meraviglioso vedere la compostezza dei protagonisti, i quali assumono atteggiamenti di rispettabilità anche nei momenti più delicati. I due attori sono bravissimi, e con la loro genuinità e la loro disinvoltura personificano alla perfezione la complessità dei caratteri dei personaggi. 

In Ella & John – The Leisure Seeker la trama diventa un insieme di situazioni che avanzano l'una dopo l'altra, sosta dopo sosta, rispettando lo spirito del genere road movie. La scelta è sicuramente fortunata, in quanto il film di Virzì mostra le proprie debolezze proprio quando deve fingere di essere un film più organizzato: tra alcuni cliché del genere, ci sono alcuni inutili sviluppi che sciupano un po' l'atmosfera da film disinvolto che acquista già da quando John parla per la prima volta. D'altronde, Ella & John – The Leisure Seeker non offre nulla di innovativo, ma poco importa: il racconto di un amore così inflessibile e doloroso è ciò che il cinema dovrebbe offrire al proprio pubblico. Il film di Virzì è quel cinema che fa ricomparire la voglia di vivere; di combattere contro il tempo nella disgraziata ricerca di qualcosa di bello. 

È puro cinema vedere personaggi così caratteristici e anticonformisti viaggiare svincolati dalla trama e dagli obblighi dettati dell'età e dalla malattia. Viaggiano contro il tempo alla ricerca di avventura e momenti di lucidità nei quali fare un'azione che richiede tanto sacrificio: far ricordare il passato a un uomo smemorato e nello stesso momento fargli dimenticare il presente, ma in un modo bello, ovvero fargli dimenticare che è diventato uno smemorato. Per farlo, Ella & John – The Leisure Seeker viaggia e avanza, divertendo, in modi molti diversi, e commuovendo. È puro cinema vedere il dispiacere di Ella diventare collera in scossoni improvvisi (ma intimamente covati) nei quali rimpiange la mancanza del suo amato John, mentre questo la fissa sorridente, completamente smarrito. Bellissimo il finale.

Ella & John – The Leisure Seeker è uno di quei film di cui lo spettatore ha bisogno, ogni tanto, per ricordarsi i piaceri della vita e del cinema.

★★★☆
SHARE:

Nessun commento

Posta un commento

© Uno spettatore qualsiasi

This site uses cookies from Google to deliver its services - Click here for information.

Blogger Template Created by pipdig